24 Apr

Salute e bellezza con le alghe

Alghe, da pianta del mare considerata da noi umani un rifiuto quando si deposita nelle spiagge, a vero e proprio elisir di bellezza: utilizzate dalla cucina orientale per il loro alto valore nutritivo e ricche di proprietà, bisogna saperle scegliere per evitare effetti collaterali spiacevoli.

Sono molteplici i benefici che le alghe possono apportare al corpo umano, ma come al solito, il mondo occidentale ha snobbato per anni questi rimedi naturali orientali, forse per incrementare il commercio dei cosmetici cosiddetti industriali, a discapito di tutti i trucchi e i segreti che le nostre nonne conoscevano alla perfezione. Le alghe contengono moltissime vitamine, come per esempio la vitamina A, D, K e quelle del gruppo B. Inoltre, sono una eccellente fonte di sali minerali, come ferro, calcio, rame, zinco, sodio, magnesio, potassio, iodio e soprattutto fosforo. La presenza dello iodio è veramente fondamentale, visto che stimola il metabolismo e aiuta la prevenzione di disturbi alla tiroide, mentre il ferro e il calcio sono una manna per l’apparato osteoarticolare. Inoltre, sono ricchissime in proteine e fibre, oltre ad essere ipocaloriche. Infatti, possono diventare una risorsa utile per perdere peso e un cibo da non sottovalutare se si deve seguire una dieta dimagrante. Ovviamente, sarà il medico o il nutrizionista a dare il benestare o meno all’introduzione di questo alimento, sia per evitare effetti collaterali indesiderati, sia per non creare squilibrio nel regime alimentare imposto al paziente in questione.

Essendo un prodotto orientale, seguendo una logica del tutto particolare, molte persone si connettono a siti coreani o cinesi allo scopo di trovare l’alga favorita e, per chi se lo può permettere, pagano anche in Bitcoin o altre monete virtuali. E’ vero che il trading online e le piattaforme di compravendita criptovalute hanno raggiunto molti settori, tra cui l’estetica, il fitness e la bellezza del corpo e della mente, ma ci si deve sincerare della provenienza e della natura del prodotto piuttosto che pensare che sia una occasione perfetta per spendere la propria criptomoneta. Le alghe hanno proprietà depurative, tonificanti e antiossidanti grazie all’algina, ma come le piante terrestri, assorbono come spugne ogni sostanza, scorie comprese. Quindi, se si vuole tentare un’attività per arrotondare lo stipendio e destinare il guadagno alla cura di se stessi, si può approfondire come funziona la simulazione del trading online, con la raccomandazione di sincerarsi della provenienza del prodotto. Infatti, esistono diversi tipi di alghe commestibili capaci di far mantenere il peso forma , aiutare chi fa sport, stimolare il metabolismo ed eliminare i chili di troppo, bisogna imparare a distinguerle e come sono denominate.

Una semisconosciuta è l’alga arame, nome scientifico Eisenia Bicyclis. Stimola il metabolismo ed è adatta per gli sportivi, in quanto è ricca di vitamine e soprattutto ha grandi quantità di iodio. Ottima bollita come  contorno dal sapore delicato e dolce. Per i vegani, la micro alga Klamath  è perfetta. L’Aphanizomenon flos aquae cresce solo nel lago Klamath ed è ricca di vitamina B12, oltre ad eliminare la cellulite. Si può assumere come integratore, essiccata o fresca. L’alga Kombu è molto usata in cucina, perché stimola la circolazione sanguigna e rafforza il sistema immunitario, oltre a compiere una sorta di depurazione. E’ usata per condire pasta e riso. L’alga Nori, ovvero Porphira species, è un’alga rossa denominata anche lattuga di mare, ricca in proteine e Omega3. La cucina giapponese la utilizza nella preparazione dei maki, nelle zuppe o come condimento.  La spirulina è salita in auge grazie a integratori ad azione depurativa e disintossicante. L’Arthrospira platensis viene utilizzata come ingrediente del gomasio, l’insaporitore vegano a base di sale e semi di sesamo tostati. Infine, l’alga Undaria Pinnatifida, nota come Wakame, è bruna e ricca di proteine e vitamine. Utilizzata come integratore contro il grasso addominale, si è resa protagonista di ricette giapponesi come insalate o zuppe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *