03 Nov

Integrare la vitamina K si o no?

Uno degli argomenti più dibattuti nei vari gruppi di mamme è quanto sia utile dare la vitamina K al neonato, se sia davvero efficace o se invece si potrebbe tranquillamente fare a meno. Molte mamme, infatti, preferiscono evitare di somministrare integratori ai propri bambini per profilassi, quindi se non c’è un reale e appurato bisogno, meglio alimentarsi bene ed evitare integratori sintetici.

Perché la vitamina K è importante

In realtà la vitamina K per il neonato è molto importante in quanto implicata nel processo di produzione da parte del fegato di importantissimi fattori che determinano i meccanismi della coagulazione del sangue. Se manca questa vitamina aumenta il tempo di coagulazione e il rischio di emorragie, nel caso di un neonato, è meglio non correrlo. Alla nascita questa vitamina viene quindi somministrata intramuscolo o per via orale, in certi ospedali, qualora la mamma allatti al seno, prescrivono l’assunzione di tale vitamina per i tre mesi successivi alla nascita.

Il latte materno è sempre il migliore

vitaminak-02Il latte materno ha una quantità di vitamina K scarsa, per questo nel corso di questi ultimi anni è nato un equivoco che deve essere superato. Molte donne hanno scelto di allattare col latte formulato perché ritenuto più completo da punto di vista vitaminico. Falso. Il latte materno, salvo rarissimi casi, è sempre la scelta migliore, e se contiene poca vitamina K un motivo in natura ci sarà. Vero è che esistono diverse scuole di pensiero, infatti negli USA la vitamina K viene iniettata intramuscolo alla nascita, ma non viene prescritta nelle settimane successive. Allo stesso modo in Italia non in tutti gli ospedali la prescrizione è la stessa.

E chi partorisce a casa?

Chi partorisce a casa in realtà raramente somministra la vitamina K al neonato, salvo poi darla per via orale nei giorni seguenti. Quindi non si può dire chi ha ragione o chi a torto, ma tra tutte le vitamine prescritte alla mamma prima, al neonato e alla puerpera, la K è sicuramente la più giustificata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *